Circuito tecnico-coordinativo per la fase di riscaldamento | YouCoach Salta al contenuto principale

Circuito tecnico-coordinativo per la fase di riscaldamento

Circuito tecnico-coordinativo per la fase di riscaldamento

 
Circuito tecnico-coordinativo per la fase di riscaldamento
Materiale
  • 10 cerchi
  • Cinesini (più colori)
  • 1 speed ladder
  • 14 ostacoli bassi (over)
  • Palloni
  • 3 paletti
  • 2 paletti senza punta
  • Coni
Preparazione
  • Area di gioco: 30x30 metri
  • Giocatori: tutta la squadra
  • Tempo di svolgimento: 15 minuti
  • Numero di serie: 3 da 4 giri completi
Sommario Obiettivi Secondari
Circuito a stazioni per l'attivazione tecnico-motoria
Adattamento, Coordinazione oculo-podalica, Combinazione, Capacità di differenziazione, Equilibrio, Ritmizzazione, Rapidità, Velocità, Tecnica di accelerazione, Guida della palla, Guida della palla con cambi di direzione, Dominio della palla, Riscaldamento
Organizzazione

Con il materiale a disposizione creare 4 circuiti, in figura indicati da A, B, C e D. 

I giocatori iniziano dalla posizione di partenza nel circuito A, ognuno con un pallone in mano e dopo averlo completato si porteranno in corsa leggera alla partenza del circuito B per poi continuare la serie sino alla conclusione del circuito, per poi riprendere da A.

Descrizione
  • Nel circuito A i giocatori devono affrontare i cerchi posizionati a terra nella sequenza 1,2,3,4,5 come visibile nel disegno, appoggiando il piede destro nel cerchio 1, il sinistro nel 2 e ancora il destro nel 3 e il sinistro nel 4 uscendo poi col piede destro nello spazio libero 5 per affrontare la fila in linea retta di cerchi successivi, superandoli inserendo solo un piede in ogni cerchio alla massima velocità (appoggio monopodalico alternato). Possiamo posizionare all'interno di uno o più cerchi un cinesino (rossi in figura) che sta a significare che il giocatore non deve entrare in quei cerchi bensì deve saltarli (differenziazione)
  • Nel circuito B i giocatori devono superare la speed ladder nelle modalità scelte dall'allenatore in base alle conoscenze dell'attrezzo (ad esempio: tocco singolo in ogni spazio, tocco doppio in ogni spazio, ecc.) palleggiando contemporaneamente col pallone con una sola mano esternamente alla speed ladder e poi superare i coni posti a distanze diverse tra loro in guida della palla con le modalità decise dall'allenatore (ad esempio: solo un piede, solo con una parte del piede, liberamente)
  • Nel circuito C i giocatori devono affrontare in guida palla lo slalom fra i paletti posti alla stessa distanza con le modalità decise dall'allenatore e all'uscita dei paletti, prima far passare la palla sotto all'ostacolo (paletto orizzontale infilato nei due coni laterali) saltandolo, e poi scavalcando il paletto successivo posto a terra col pallone con uno ''scavetto''. Infine raggiungere il cono di arrivo conducendo la palla a massima velocità
  • Nel circuito D, i giocatori, devono superare in skip il percorso formato da ostacolini della stessa altezza (over bassi), affrontandoli nell'ordine da loro scelto (il giocatore è libero di affrontare il percorso come desidera) alla massima velocità. Al termine del percorso a ostacoli, l'allenatore indica il colore di un cinesino e il giocatore deve scattare e raggiungerlo il più velocemente possibile (in figura i cinesini di colore blu e verde)
  • Ad ogni serie completata modificare le distanze fra i cerchi nel circuito A e il posizionamento dei coni nel circuito B

 

Circuito tecnico-coordinativo per la fase di riscaldamento

Sviluppo delle quattro stazioni

Varianti
  1. Ogni variazione delle distanze, del posizionamento del materiali e dell'esecuzione tecnico-motoria da parte dei giocatori può considerarsi una variante
Temi per l'allenatore
  • Nei giovani calciatori le difficoltà saranno maggiori, cercare di incitarli spiegando le correzioni motorie e coordinative per aiutarli a correggere gli errori
  • Monitorare il tempo totale della serie e offrire un adeguato tempo di recupero in base all'intensità e velocità di esecuzione dei quattro percorsi
  • Curare l'esecuzione del gesto tecnico (guida e dominio palla) variando la proposta
  • Curare l'esecuzione coordinativa dei giocatori lavorando sulla postura del corpo, l'adattamento e il controllo motorio

Articoli correlati