L’ansia da prestazione: che cos’è e da cosa dipende | YouCoach Salta al contenuto principale

L’ansia da prestazione: che cos’è e da cosa dipende

L’ansia da prestazione: che cos’è e da cosa dipende

 
Obiettivo
Sommario
L’articolo illustra la relazione che vi è tra i livelli d’ansia durante la competizione sportiva e la prestazione, specificando i fattori che possono influenzarla
 
Nella’articolo precedente avevamo visto come l’ansia, avendo delle basi neurofisiologiche, può essere osservata attraverso il corpo. Avevamo descritto quali possono essere i segnali di attivazione da rilevare nei calciatori per capire il loro livello di ansia durante la partita. Comprendere il grado di attivazione durante una competizione è importante poiché esso influenza l’esito della prestazione. 
 
Che relazione hanno l’ansia e la prestazione?
Come detto precedentemente, l’ansia è un meccanismo che ci permette di affrontare le situazioni, quindi non è da considerare negativamente. Tuttavia se l’ansia è troppo bassa o troppo elevata, la prestazione non potrà essere ottimale. In letteratura Yerkes e Dodson (1908) hanno ben descritto questo tipo di relazione attraverso il grafico seguente:
 
ansia prestazione sport
 
Dal grafico si può osservare che la prestazione è inficiata sia se i livelli d’ansia sono troppo bassi sia se sono troppo alti
Facciamo un esempio:
  • immaginate che la vostra squadra debba giocare con una squadra considerata “meno forte”. E’ possibile che i giocatori, considerando la partita “facile”, non siano particolarmente attivati. I bassi livelli di attivazione potrebbero portare quindi a meno concentrazione, ad una minor velocità nel prendere decisioni e a meno reattività, con il risultato di una bassa performance ed un maggior numero di errori. 
  • Viceversa, se la vostra squadra dovesse giocare contro una squadra considerata “più forte” oppure dovesse giocare una partita decisiva, è possibile che i livelli di attivazione dei giocatori siano molto alti, a tal punto che, se superano una certa soglia, possono portare ad un eccessivo “nervosismo” che influenzerà negativamente la performance. Potremmo quindi osservare scarsa reattività, eccessiva impulsività nell’agire ed una tattica di gioco apparentemente mancante.
Solo un buon bilanciamento dei livelli d’ansia porta quindi ad una performance ottimale.
 
Da cosa dipendono i livelli d’ansia durante la prestazione?
Quando parliamo di ansia da prestazione comunemente ci riferiamo ad un’attivazione eccessiva in risposta ad una competizione. Essa sembra essere influenzata da vari fattori. Uno di essi è la tendenza a percepire le situazioni competitive minaccianti e a temerle. Questa tendenza dipende da caratteristiche legate al proprio temperamento e alla propria personalità. Quando essa è presente aumenta la probabilità per l’atleta di vivere la competizione con elevati livelli di ansia, con ripercussioni sia a livello cognitivo, che emotivo. A livello cognitivo predomineranno aspettative negative e preoccupazioni riguardanti la situazione, se stessi e le conseguenze delle proprie azioni (es., “la partita andrà male”, “faremo una figuraccia”, “non mi faranno giocare”), mentre a livello emotivo si riscontrerà un’intensa attivazione fisiologica osservabile a livello corporeo. 
Possiamo quindi dire che l’ansia da prestazione dipende sia da predisposizioni biologiche che da fattori psicologici legati alle modalità di pensiero, d’interpretazione e di percezione delle situazioni stesse.
 

 

Autore

| Psicoterapeuta Neuropsicologa Psicologa dello Sport
Nata a Milano, ha ottenuto la Laurea Specialistica in Neuroscienze Cognitive a pieni voti con lode presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Si è specializzata in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale e ha conseguito un master in Psicologia dello Sport che le ha permesso di seguire atleti provenienti da varie discipline (tennis, calcio, equitazione, golf, podismo).
 
Ha collaborato con la Casa Editrice Loescher di Torino per la stesura di parti integrative a testi scolastici, trattando anche temi relativi all’approccio didattico dell’educazione fisica in soggetti diversamente abili.
 
Attualmente svolge attività clinica e di ricerca nella provincia di Como, occupandosi principalmente dei disturbi d’ansia.
Lo sport è la sua passione. Praticata attività sportiva fin dall’età di tre anni. Tra i vari sport, significativa è stata l’esperienza nel mondo del nuoto sincronizzato a livello agonistico. 
 
Attualmente ha abbracciato il mondo del podismo dilettantistico, partecipando a mezze maratone, maratone e gare di trail running. L’alpinismo è inoltre la sua passione. Ha avuto esperienze come insegnante di nuoto.
 

Articoli correlati

  • Il Time-Out

    Negli ultimi articoli abbiamo affrontato diverse strategie ed accorgimenti che ogni allenatore di settore giovanile...

  • Il bilancio sportivo di fine stagione

    Al termine della stagione sportiva allenatore e giocatori tirano le somme, ognuno per proprio conto, di un’annata...

  • Strategie attentive con i piccoli

    Le capacità attentive sono allenabili e col tempo migliorano. La quantità di informazioni trattenute, il direzionare...

  • (Ri)caricare il serbatoio attentivo

    Nel primo articolo sull’attenzione (settembre 2016) abbiamo parlato delle sue caratteristiche tra cui quella...