Small-sided Game: situazioni di superiorità finalizzate al gol | YouCoach Salta al contenuto principale

Small-sided Game: situazioni di superiorità finalizzate al gol

Small-sided Game: situazioni di superiorità finalizzate al gol

 
Obiettivo
Small-sided Game: situazioni di superiorità finalizzate al gol
Materiale
  • Cinesini
  • Casacche (rosse in figura)
  • 2 porte
  • Palloni
Preparazione
  • Area di gioco: 40x35 metri
  • Giocatori: almeno 14
  • Tempo di svolgimento: 18 minuti
  • Numero di serie: 3 da 5 minuti con 1 minuto di recupero passivo tra le serie
Sommario Obiettivi Secondari
Small-sided Game 3 contro 2 per la conclusione a favore degli attaccanti con ripartenza dei difendenti su recupero palla
Trasmissione, Dribbling, Smarcamento, Attirare, Conclusione, Presa di posizione, Difesa della porta, Intercetto, Scaglionamento offensivo, Improvvisazione, Scaglionamento difensivo, Transizioni
Organizzazione

Nell'esercitazione coinvolgere da 14 a 19 giocatori (portieri compresi). Partendo dalla linea di fondo campo e sfruttando la porta, creare con i cinesini un'area di gioco di larghezza 40 metri (larghezza area di rigore) per lunghezza 35 metri. Posizionare sul lato opposto alla linea di fondo campo, un'altra porta, frontale a quella già esistente. Avremo così un campo di gioco 40x35 metri con due porte. Due portieri si posizionano a difesa delle due porte. I giocatori vengono così divisi: da sei a otto giocatori difendenti (rossi in figura) e sei o nove giocatori attaccanti (bianchi in figura). Si parte con cinque giocatori all'interno del campo (tre attaccanti bianchi e due difendenti rossi) e con due giocatori sponda all'esterno del campo (difendenti rossi); le altre coppie di giocatori difendenti (rossi) e terne di attaccanti (bianchi) attendono fuori dal campo ai lati della rispettiva porta il proprio turno di gioco.

Descrizione
  • L'esercitazione inizia dal portiere che avvia l'azione a favore dei tre attaccanti che cercano di concludere a rete in situazione di superiorità numerica 3 contro 2 nei confronti dei difendenti
  • Se i due difendenti rubano palla, iniziano un contrattacco veloce cercando di finalizzare nella porta avversaria con l'aiuto dei due giocatori sponda al di fuori del campo (transizione positiva). Si crea così una situazione di 4 contro 3 a favore dei difendenti (due difendenti interni al campo più due sponde esterne al campo, una per lato)
  • Se gli attaccanti o i difendenti fanno gol, si ricomincia con una nuova azione d'attacco da parte degli attaccanti
  • Ogni ripetuta dura al massimo 45 secondi, seguita da un periodo di riposo di 45-90 secondi. Terminata l'azione, alla ripetuta successiva i due difendenti rossi prenderanno il posto delle due sponde mentre i due giocatori sponda andranno in fila dietro la propria porta in attesa del proprio turno. La coppia di due difendenti che riposava entra in campo a giocare (rotazione delle coppie di difendenti). I tre attaccanti che hanno terminato l'azione di gioco a loro volta riposeranno e saranno sostituiti da altri tre attaccanti che attendevano al di fuori del campo



Una possibile azione eseguita dagli attaccanti: scambio rapido tra due giocatori (triangolo), passaggio verso il centro sul movimento di inserimento del terzo compagno e tiro in porta.

 

 

Possibile azione eseguita dai difensori: dopo aver rubato palla in area di rigore (intercetto, cerchio giallo in figura), il difensore gioca velocemente con la sponda esterna, che conduce palla e crossa al centro verso il secondo difensore che conclude a rete

 

Regole
  • I giocatori sponda non possono portare palla per una distanza maggiore della metà di un lato del campo (il loro scopo è servire i compagni all'interno) e non possono calciare a rete
  • I giocatori sponda possono muoversi liberamente all'esterno del campo e non possono essere attaccati dagli avversari
  • Tocchi liberi a disposizione degli attaccanti
  • Tre tocchi a disposizione dei difendenti (questo per favorire, sul recupero palla, la ripartenza e attacco della profondità veloce per finalizzare nella porta avversaria)
  • I difendenti lavorano a coppie dentro al campo
  • Gli attaccanti lavorano a terne
Varianti
  1. Fare in modo che quando un giocatore all'interno serve una sponda, esegue una sovrapposizione con lo stesso per andare al cross (la sponda in questo caso diventa attiva e può entrare dentro al campo a concludere nella porta avversaria). Al termine dell'azione, il giocatore che ha eseguito la sovrapposizione resterà a fare la sponda, invertendosi di posizione con l'altro
Temi per l'allenatore
  • Per assicurarsi che questo esercizio abbia successo è necessario che venga eseguito in campi di giuste dimensioni a seconda dell'età dei giocatori (dimensioni comunque ridotte)
  • Vanno sempre considerate le abilità tecniche e cognitive dei propri giocatori. Anche la qualità del campo incide sull'efficacia di questo esercizio
  • È importante la massima intensità e velocità di esecuzione e un terreno piano e regolare aiuta allo scopo
  • Curare la precisione e intensità di calcio dei passaggi e la qualità dei controlli (ricezioni)
  • L'alto ritmo delle azioni di gioco favorisce la visione periferica e la velocità di interpretazione del gioco per trovare le giocate in profondità
  • Stimolare la collaborazione tra compagni (lavoro di reparto a 2 per i difensori, a 3 per gli attaccanti)
  • Stimolare dribbling veloci, intraprendenza e fantasia nell'affrontare gli avversari anche in duelli 1 contro 1
  • Stimolare i movimenti senza palla (mobilità)
  • Far girare costantemente la palla, sfruttando spesso le sponde esterne nelle fasi di ripartenza sull'attacco della porta avversaria

Articoli correlati