Rondo 2 contro 2 + 2 jolly: cambio gioco e 1 contro 1 | YouCoach Salta al contenuto principale

Rondo 2 contro 2 + 2 jolly: cambio gioco e 1 contro 1

Rondo 2 contro 2 + 2 jolly: cambio gioco e 1 contro 1

 
Obiettivo
Materiale
  • 6 casacche (4 rosse, 2 gialle in figura)
  • 4 porticine (o 4 coppie di paletti)
  • Cinesini
  • Palloni
Preparazione
  • Area di gioco: 25x25 metri
  • Giocatori: 10
  • Tempo di svolgimento: 20 minuti
  • Numero di serie: 4 da 4 minuti con 1 minuto di recupero passivo
Sommario Obiettivi Secondari
Rondo 2 contro 2 con 2 jolly per possesso palla in ampiezza e situazione finale di 1 contro 1 con finalizzazione
Visione periferica, Ricevere, Dribbling, Smarcamento, Passaggio, Conclusione, Intercetto, Contrasto, Ampiezza, Mobilità, 1 contro 1, Triangoli di possesso, Cambio gioco
Organizzazione

Con i cinesini creare un quadrato di gioco di 25x25 metri. Lungo due lati opposti posizionare due porticine per lato: larghezza porticine 1,5 metri circa e distanza tra una porticina e l'altra 10 metri circa. Utilizzando i cinesini dividere il quadrato di gioco in zone creando un esagono interno (come in figura). La fascia centrale dell'esagono è di larghezza 10 metri, quindi avremo una fascia centrale orizzontale di misure 10x25 metri. Lateralmente a destra e sinistra rispetto la zona centrale, creare due triangoli a completare la figura dell'esagono. I giocatori vengono divisi in due squadre da quattro componenti ciascuna (squadra rossa contro squadra bianca). I giocatori si dispongono in campo come segue: due giocatori rossi e due giocatori bianchi in fascia centrale dove giocheranno dei rondo con l'aiuto di due jolly (giocatori gialli in figura). Un giocatore rosso e uno bianco all'interno dei triangoli laterali, una coppia per parte.

Descrizione
  • Il gioco si avvia sempre nella fascia centrale di campo dove si gioca un rondo di 2 contro 2 (bianchi contro rossi) con l'ausilio di 2 jolly (gialli) per chi è in possesso palla, quindi si crea una situazione effettiva di 4 contro 2 (superiorità numerica per chi ha possesso palla)
  • Le due coppie posizionate nei triangoli esterni, partecipano al possesso palla, ogni giocatore con la propria squadra; si ha così un possesso palla di posizione di 4 rossi contro 4 bianchi con 2 jolly in zona centrale che giocano con chi è in possesso palla
  • Scopo di entrambe le squadre è riuscire a trasmettere palla, passando sempre per la fascia centrale di campo, da un triangolo all'altro senza intercetto da parte degli avversari
  • Fatto questo, quando la palla giunge al giocatore della propria squadra posizionato nel triangolo opposto, questi può andare a far gol in una delle 2 porticine sistemate sul proprio lato
  • In questo caso può essere contrastato dall'avversario, che se conquista palla, la rigioca ai propri compagni nella zona centrale di campo ripartendo con il rondo e con l'obiettivo di trasmettere il pallone al compagno dalla parte opposta per la finalizzazione
  • Ogni volta che la palla esce dal campo, passa alla squadra avversaria riprendendo il gioco con il possesso palla in zona centrale 

 

Regole
  • Tocchi liberi a disposizione dei giocatori delle due squadre per la giocata (possiamo ridurre anche il numero dei tocchi se vediamo che il possesso e la manovra sono fluidi)
  • Tocchi limitati per i due jolly (ad esempio al massimo 3 tocchi)
  • Al termine di ogni serie invertire le posizioni delle coppie di giocatori nei triangoli esterni, con i giocatori in zona centrale. Cercare di alternare i giocatori anche nel ruolo di jolly
  • Vince la squadra che al termine dell'esercitazione ha realizzato più gol nelle porticine
Temi per l'allenatore
  • Stimolare la mobilità dei giocatori per creare sempre più linee di passaggio per il portatore di palla al fine di riuscire a muovere la palla in ampiezza con velocità da un triangolo all'altro
  • Stimolare il coinvolgimento dei giocatori esterni in zona triangolo, come sponde durante il possesso palla (in appoggio ai propri compagni di squadra)
  • Tenere alta l'intensità del possesso con una buona pressione sugli avversari per la riconquista palla
  • Stimolare il dribbling, la fantasia e l'intraprendenza degli attaccanti nella situazione di 1 contro 1 per la finalizzazione nelle 2 porticine
  • Curare la tattica individuale difensiva nella situazione di 1 contro 1 (posizione corretta del corpo nell'affrontare l'avversario, presa di posizione tra avversario e porte da difendere curando la distanza di duello e focus sulla palla)

Articoli correlati