Allenamento cross e finalizzazione - Liverpool FC | YouCoach Salta al contenuto principale

Allenamento cross e finalizzazione - Liverpool FC

Allenamento cross e finalizzazione - Liverpool FC

 
Obiettivo
Materiale
  • 6 casacche
  • 4 coni arancioni (o 2 porticine)
  • 1 cono giallo
  • Palloni
  • Cinesini
  • 1 porta regolamentare
Preparazione
  • Area di gioco: 60x70 metri
  • Giocatori: 15 (14 di movimento + 1 portiere)
  • Tempo di svolgimento: 20 minuti
  • Numero di serie: 2 da 7 minuti con recupero passivo di 3 minuti dopo le serie
Sommario Obiettivi Secondari
Attacco contro difesa: sviluppi offensivi con cross e relativa finalizzazione
Smarcamento, Passaggio, Cross, Conclusione, Scaglionamento offensivo, Ampiezza, Manovra, Difesa su cross, Difesa su traversone, Transizioni
Organizzazione

Dividere i giocatori in due squadre, la squadra offensiva rappresentata dagli otto giocatori in maglia rossa (squadra G) e la squadra difensiva con i sei giocatori in casacca bianca (squadra D). L'area di gioco dovrà coincidere con l'inizio del campo, dalla linea di fondo campo dove si trova la porta regolamentare, fino a circa 2/3 totali del campo. Sulla linea di fondo campo formata con i cinesini opposta alla porta regolamentare, posizionare le due porticine di larghezza 3 metri, ognuna a circa 5 metri dalla linea laterale del campo di gioco. Sistemare un cono giallo al centro dell'area di gioco. Palloni in possesso della squadra rossa. Il portiere si posiziona a difesa della porta e gioca con la squadra difendente (bianca).

Descrizione
  • Il gioco inizierà sempre dalla squadra in fase offensiva (squadra G), che partirà con la palla in possesso del giocatore situato in prossimità del cono centrale, effettuando un passaggio di scarico verso il compagno più arretrato (G1).
  • L'obbiettivo per la squadra G è quello di sviluppare l'azione allargando il gioco sulle fasce e finalizzando tramite un cross.
  • Lo scopo della squadra D è quello di intercettare il pallone, o impedire la finalizzazione, e andare a segnare in una delle due porticine posizionate a fondo campo.

Esempio

  • Il giocatore G5 trasmette la palla al giocatore G più arretrato (G1)
  • G1, assieme ai due compagni di reparto (G2 - G3), dovrà effettuare una serie di passaggi per arrivare al passaggio smarcante ad una delle due fasce (G4 - G7)
  • A seconda della fascia ricevente, ad esempio G7, la punta di riferimento, in questo caso G8, dovrà effetturare un movimento di avvicinamento alla fascia per dare la possibilità di scambio al proprio compagno
  • Il giocatore di fascia dovrà quindi decidere se effettuare lo scambio con la punta ed effettuare il cross da fondo campo (in figura movimenti 4A, 5A e 6A) oppure effettuare un traversone direttamente in area per servire i due attaccanti (in figura movimento 4B)
  • Al cross del compagno, i giocatori G8 - G6 - G4 dovranno inserirsi in area per finalizzare l'azione 

 

Esempio di sviluppo dell'esercizio

Regole
  • I giocatori della squadra D agiranno da difensori attivi
  • I giocatori D, una volta riconquistata la palla, dovranno segnare in una delle due porticine posizionate a fondo campo parte opposta rispetto alla porta (fase di transizione attiva)
  • Ogni gol della squadra G vale 1 punto
  • Ogni gol della squadra D vale 2 punti
  • Ad ogni gol il gioco ripartirà dal cono centrale con palla alla squadra che attacca (squadra rossa)
Temi per l'allenatore
  • Ricordare che il cross è un vero e proprio passaggio mirato e non un passaggio casuale
  • Stimolare i giocatori a mantenere alto il ritmo durante l'esercizio ed eseguire i movimenti di smarcamento con il tempo giusto
  • Curare la finalizzazione: tempo di attacco della palla in area di rigore ed impatto con il pallone
  • Il movimento della punta di avvicinamento verso la fascia non deve essere costante, altrimenti perderebbe di imprevedibilità
  • Curare la postura del corpo quando si riceve il passaggio per il cross oppure per il traversone, il corpo deve essere infatti già predisposto per eseguire la giocata verso il centro dell'area
  • Non ricevere mai palla da fermi ma con dei contromovimenti preparatori alla ricezione
  • Stimolare la fase di recupero palla da parte degli attaccanti quando i difensori conquistano il possesso e ripartono per la ricerca del gol nelle porticine (fasi di transizione)

Articoli correlati