Tecnica di tuffo: attaccare la palla | YouCoach Salta al contenuto principale

Tecnica di tuffo: attaccare la palla

Tecnica di tuffo: attaccare la palla

 
Obiettivo
Materiale
  • 5 paletti
  • 2 porte regolamentari
  • Palloni
  • Cinesini
Preparazione
  • Area di gioco: 16x16 metri
  • Giocatori: 6 portieri
  • Tempo di svolgimento: 30 minuti
  • Numero di serie: 6 da 5 minuti
Sommario Obiettivi Secondari
Allenare i portieri nella tecnica di tuffo e presa, trasmissione palla e calcio
Tecnica di rialzata, Tecnica di presa, Tecnica di parata, Coordinazione oculo-manuale, Reazione, Trasmissione, Interno piede, Collo piede, Passaggio medio, Tiro in porta
Organizzazione

Creare un'area di gioco di 16x16 metri. All'interno di quest'area creare con quattro cinesini posti ai vertici un quadrato centrale di 8 metri per lato (8x8 metri). Formare, al centro del quadrato, una croce con quattro paletti (azzurri in figura) che distano ognuno 2 metri da un paletto centrale (giallo in figura). Posizionare quattro cinesini (gialli in figura) attorno al paletto centrale giallo, che rappresentano i punti di partenza dei portieri nell'esecuzione dell'esercizio. I sei portieri si posizionano come in figura: A e B (la prima coppia di portieri che parte nell'esecuzione dell'esercizio) al centro della croce, rivolti di spalle uno all'altro divisi dal paletto giallo centrale. C, D, E, F posizionati sui quattro cinesini che rappresentano i quattro vertici del quadrato centrale, ognuno con un pallone. Collocare infine al centro di due lati opposti dell'area di gioco due porte regolamentari, una di fronte all'altra, distanti 16 metri.

Descrizione
  • I due portieri (A, B in figura) all'interno di quattro "spicchi" devono attaccare in tuffo i palloni calciati dagli altri portieri
  • Per ogni lato (versante) entrambi i portieri devono alternare il tuffo una volta a sinistra e una a destra (nell'esempio il portiere B si tufferà in presa sul pallone calciato da D e successivamente, spostandosi lateralmente, sul pallone calciato da C. Il portiere A, contemporaneamente farà lo stesso a sequenza invertita, ovvero prima si tufferà in presa sul tiro del portiere C e successivamente su quello del portiere D).
  • Lo "spicchio" serve a mantenere la linea del tuffo
  • Attaccare in avanti spingendo con la gamba in direzione della palla
  • La palla viene calciata dai portieri C e D
  • Nel frattempo i portieri E e F si trasmettono una palla tra di loro frontalmente uno all'altro (passaggio e ricezione)
  • La palla esterna non deve fermarsi mai, quindi quando i portieri A e B cambiano "spicchio" (ruotando in senso orario) il portiere E si gira verso il portiere C e comincia una serie di passaggi con quest'ultimo
  • I due portieri A e B, al centro, nel frattempo continuano il giro eseguendo il doppio tuffo a destra e poi a sinistra ricevendo la palla da D e F e cosi vià
  • Al termine del giro completo della stazione di lavoro, i due portieri A e B scattano uno in una porta e uno nell'altra per ricevere un tiro dai due portieri che hanno la palla in quel momento (posizionamento veloce nelle due porte per parate su conclusioni)

 

Regole
  • Le coppie di portieri al centro devono compiere un giro completo della stazione di lavoro in senso orario 
  • Ad ogni "spicchio" i portieri devono eseguire un tuffo a destra e uno a sinistra
  • I portieri esterni devono dosare il calcio per dare la possibilità ai portieri centrali di compiere il gesto tecnico con i giusti tempi per rialzarsi e prendere posizione
  • Gli ultimi due tiri devo essere effettuati per cercare il gol nelle due porte regolamentari e quindi non hanno una direzione prestabilita
  • Al termine di ogni ripetizione con giro completo della stazione di lavoro, cambiare la coppia centrale di portieri (rotazione con portieri esterni)
Varianti
  1. Eseguire due o più rotazioni dell'orologio
  2. Variare il senso della rotazione della coppia di portieri centrale (antiorario)
  3. Dichiarare l'altezza del pallone calciato (rasoterra - battuta - mezza altezza)
  4. I portieri esterni prima degli ultimi due tiri possono passarsi la palla tra loro (al massimo una volta)
Temi per l'allenatore
  • Questo esercizio si può svolgere con un gruppo numeroso di portieri (fino a sei)
  • Attaccare la palla non è un gesto semplice, richiede un lavoro analitico lungo (curare la tecnica di tuffo, presa e rialzata)
  • Se il livello dei portieri è sufficientemente alto si può utilizzare questo esercizio come forma di valutazione del grado di preparazione tecnica
  • L'esercizio è composto da due parti: una analitica (palla dichiarata) ed una cognitiva (traiettoria random)
  • L'allenatore non deve fermare l'esercizio se il gesto tecnico non è corretto, ma proseguire la sessione completando il giro e dopodichè usufruire di un paio di minuti per la cura dei dettagli e l'analisi degli errori
  • Curare la tecnica di calcio (precisione, dosaggio forza, equilibrio) e la tecnica di trasmissione (precisione, intensità, postura del corpo, impatto con la palla)

Articoli correlati