Doppio cambio di direzione e trasmissione nella porticina | YouCoach Salta al contenuto principale

Doppio cambio di direzione e trasmissione nella porticina

Doppio cambio di direzione e trasmissione nella porticina

 
Obiettivo
Doppio cambio di direzione e trasmissione nella porticina
Materiale
  • 2 cinesini
  • 4 coni
  • 2 porticine
  • Palloni
Preparazione
  • Area di gioco: 18×12 metri
  • Giocatori: da 4
  • Tempo di svolgimento: 10 minuti
  • Numero di serie: 2 da 5 minuti
Sommario Obiettivi Secondari
Esercizio per allenare la combinazione di dribbling e calcio
Combinazione, Orientamento, Visione periferica, Guida della palla con finte, Passaggio
Organizzazione

Due cinesini distanti fra loro 18 metri rappresentano i punti di partenza per i giocatori delle due file. Lateralmente ad entrabi i cinesini di partenza collocare una porticina. Di fronte a entrambi i cinesini, a una distanza di 6 metri, viene posto un cono. Alla destra di ciascun cono ne viene posto un altro sempre a una distanza di 6 metri. Predisporre da due a quattro giocatori per fila; disporre un pallone per ciascun giocatore.

Descrizione
  • L’allenatore stabilisce in precedenza le finte richieste ai giocatori e la fila che darà il segnale di partenza nell’esercizio
  • Il giocatore della fila indicata decide il momento in cui iniziare la conduzione verso il cono che ha di fronte; a questo punto finta e cambia direzione verso la destra del cono
  • Successivamente, conduce palla verso l’altro cono per effettuare una finta e un cambio di direzione uscendo verso sinistra
  • Una volta terminato il cambio di direzione effettua una trasmissione nella porticina
  • Dopo la trasmissione, il giocatore recupera il proprio pallone e si accoda nella fila opposta
  • Contemporaneamente il giocatore dell’altra fila esegue lo stesso esercizio

Regole
  • I giocatori devono eseguire l’esercizio in contemporanea
Varianti
  1. Cambiare la tipologia di conduzione palla nell’avvicinamento ai coni
  2. Cambiare la tipologia di finte richieste
  3. Il segnale di partenza viene dato dall’allenatore con segnale uditivo (esempio: fischio) o visivo (esempio: rimbalzo della palla a terra)
  4. Vincolare il numero di tocchi nella guida verso il cono per stimolare le capacità coordinative
Temi per l'allenatore
  • L’esercizio dev'essere svolto in contemporanea con i giocatori che nello stesso momento arrivano a effettuare le finte e i cambi di direzione sui coni
  • Il giocatore guida deve analizzare la situazione guardando il compagno di fronte e dando il segnale solo quando questi è pronto a svolgere l’esercizio
  • La palla dev'essere sempre sotto il controllo del giocatore durante la conduzione
  • Controllare che la palla venga spinta in avanti con la giusta forza
  • Far capire il punto esatto in cui iniziare la finta per poter effettuare il cambio di direzione in corrispondenza del cono
  • Limitare o aumentare i tocchi a disposizione nella conduzione palla se i giocatori hanno difficoltà a trovare il giusto spazio e tempo da cui far partire la finta e il cambio di direzione

Articoli correlati