Circuito coordinativo e situazione di 1 contro 1 | YouCoach Salta al contenuto principale

Circuito coordinativo e situazione di 1 contro 1

Circuito coordinativo e situazione di 1 contro 1

 
Obiettivo
Circuito coordinativo e situazione di 1 contro 1
Materiale
  • Cinesini
  • 3 cerchi
  • 1 speed-ladder
  • 1 casacca
  • 1 porta
  • Palloni
Preparazione
  • Area di gioco: 1° quadrato 12x12 metri - 2° rettangolo 16x12 metri
  • Giocatori: almeno 6 + 1 portiere
  • Tempo di svolgimento: 20 minuti
  • Numero di serie: 4 da 4 minuti con 1 minuto di recupero passivo tra le serie
Sommario Obiettivi Secondari
Circuito coordinativo seguito da situazione di 1 contro 1 con cross dal fondo per la finalizzazione di un compagno
Coordinazione oculo-podalica, Differenziazione spazio-tempo, Equilibrio, Rapidità, Guida della palla con finte, Guida della palla per evitare l'avversario, Dribbling, Cross, Conclusione, Tiro in porta, Contrasto, Attacco porta, Presa di posizione individuale, Posizione del corpo
Organizzazione

Lateralmente alla porta creare una zona con quattro cinesini (zona P in figura). Tra l'area di rigore e la linea laterale del campo creare un rettangolo di profondità 16 metri come circa la lunghezza dell' area di rigore per larghezza 12 metri (zona 2). All'interno di questo rettangolo creare una zona in prossimità della linea di fondo campo denominata "zona cross" (fascia azzurra in figura). Adiacente al rettangolo verso la metà campo, creare un'altra zona (quadrato 12x12 metri) nella quale disporre un percorso coordinativo con tre cerchi e una speed-ladder, come in figura (zona 1). Posizionare un cinesino dall'altra parte dell'area di rigore (zona laterale sinistra del campo rispetto alla porta) che rappresenta il punto di partenza per l'attaccante (giocatore bianco in figura). Avremo quindi tre giocatori di movimento piazzati nel percorso pronti ad inziare l'esercitazione: attaccante bianco in zona 1, difendente rosso in zona 2 e attaccante bianco a fianco del cinesino situato sul lato opposto alla porta. Per ogni posizione di partenza collocare un'altro giocatore in attesa. Al termine di ogni serie ruotare le posizioni di partenza dei giocatori.

Descrizione
  • Il giocatore bianco affronta il percorso motorio, all'interno del 1° quadrato, eseguendo dei salti monopodalici nei tre cerchi, fermandosi in posizione di equilibrio con gamba di appoggio flessa per 2 secondi
  • Eseguiti i tre salti, il giocatore affronta la speed-ladder alla massima rapidità (una toccata per spazio)
  • Entra in possesso del pallone posto alla fine del percorso e si porta nella zona successiva dove affronta in un 1 contro 1 il difendente rosso, cercando di superarlo per entrare in zona cross (fascia azzurra)
  • Se il giocatore bianco riesce a entrare nella zona azzurra effettua un cross per il compagno che taglia dentro l'area, attaccando la palla, per una conclusione in porta di prima intenzione
  • Se il giocatore bianco riesce a entrare nella zona cross, il difendente rosso non può seguirlo al suo interno. Il giocatore bianco ha un tocco per controllare la palla e un tocco per trasmetterla al compagno che sta correndo in area
  • Se il difendente rosso recupera palla nell' 1 contro 1, può ottenere un punto trasmettendola al portiere che si sposterà per ricevere a sostegno del compagno nella Zona P

 

Circuito coordinativo e situazione di 1 contro 1

Regole
  • L'attaccante ha tocchi liberi per dribblare il suo diretto avversario e arrivare al cross per il compagno opposto
  • Ruotare i giocatori in tutte le posizioni dopo ogni serie in modo che diversifichino i propri obiettivi e compiti
Varianti
  1. Diversificare l'esecuzione all'interno dello speed-ladder (ad esempio: avanzamento frontale, laterale, una toccata o due all'interno di ogni spazio ecc.)
Temi per l'allenatore
  • Prestare attenzione all’esecuzione del percorso motorio su cerchi e speed-ladder (appoggi dei piedi, postura del corpo, uso delle braccia, tecnica di salto e skip)
  • Stimolare l’attaccante a puntare il difendente in velocità
  • Stimolare l’attaccante ad effettuare finte e cambi di direzione per avere la meglio nell'1 contro 1
  • Stimolare il difendente ad assumere una posizione antero posteriore corretta nell'affrontare l'attaccante
  • Curare i tempi di attacco dell'area di rigore da parte dell'attaccante opposto per ricevere il cross e concludere in porta

Articoli correlati