3 contro 3 | YouCoach Salta al contenuto principale

3 contro 3

3 contro 3

Sigla: 
3vs3
Nel gioco del  calcio con il termine “situazione” e “situazione semplificata” si intende raggruppare tutti i momenti, in gara o in allenamento, in cui c’è la presenza attiva di uno o più avversari che ostacolano e contrastano chi si trova in possesso palla. 
In gara, quindi, assistiamo ad un continuo e rapido cambio di situazioni rispetto alle quali i nostri giocatori elaborano scelte e strategie mirate al raggiungimento del rispettivo obiettivo, sia esso offensivo o difensivo. Ogni allenatore, con la propria capacità di osservazione ed analisi, potrà estrapolare dalla partite quelle “situazioni” che ritiene importanti per poi riproporle in modo semplificato in allenamento dettando principi e comportamenti coerenti con il proprio credo e la propria filosofia.
 
Una delle situazioni che i nostri giocatori dovranno imparare a riconoscere durante una gara è quella del tre contro tre, cioè una temporanea collaborazione con due compagni, sia in fase offensiva che in fase difensiva, al fine del raggiungimento dell’obiettivo.
Il tre contro tre rappresenta la situazione di riferimento del gioco rispetto alla quale i nostri calciatori potranno sperimentare il concetto di “reparto”. La collaborazione a tre giocatori prevede la capacità dei singoli di leggere ed interpretare il contesto in modo uguale riuscendo in questo modo a sfruttare i vantaggi portati dalla partecipazione e dalla cooperazione dei compagni. 
 
In fase offensiva i giocatori in possesso di palla dovranno migliorare la lettura del contesto applicando i seguenti principi:
  • Non stare sulla stessa linea, sia essa verticale che orizzontale
  • Dare ampiezza e profondità alla manovra effettuando movimenti opposti
  • Creare diverse linee e angoli di passaggio
  • Lettura della palla aperta e palla chiusa
  • Adeguarsi ai movimenti dei compagni ed in particolare di chi prende l’iniziativa
  • Ricreare una situazione di due contro uno
 
In fase difensiva i giocatori non in possesso di palla dovranno curare e migliorare i seguenti comportamenti:
  • Pressione sulla palla
  • Coperture reciproche
  • Concedere la minor profondità possibile utilizzando in modo adeguato anche la tattica fuorigioco 
  • Eseguire  “l’elastico difensivo”: alternare velocemente la pressione sulla palla con la copertura al compagno cercando contemporaneamente di alzare la linea del fuorigioco
 
Nelle esercitazioni proposte i giocatori potranno familiarizzare con molteplici situazioni e quindi abituarsi a leggere velocemente i pericoli per poi scegliere la soluzione che riterranno più efficace. In questi contesti l’allenatore potrà incidere con correzioni individuali trasmettendo in modo efficace la propria filosofia.