Giro palla nel rombo con comando vocale | YouCoach Salta al contenuto principale

Giro palla nel rombo con comando vocale

Giro palla nel rombo con comando vocale

 
Obiettivo
Materiale
  • 6 cinesini
  • palloni
Preparazione
  • Area di gioco: 18×16 metri
  • Giocatori: 8
  • Tempo di svolgimento: 10 minuti
  • Numero di serie: 1 da 10 minuti
Sommario Obiettivi Secondari
Esercitazione analitica per lo sviluppo delle abilità individuali
Ricevere, Controllo orientato, Smarcamento, Passaggio, Contromovimento
Organizzazione

Formare un rombo con i cinesini; frontalmente ai vertici della diagonale maggiore, a 4 metri, porre un cinesino per lato. I giocatori si dispongono due per ogni vertice della diagonale maggiore e uno su ciascuno degli altri cinesini. Una delle coppie ha un pallone.

 

Tratto da "Dalle abilità individuali al possesso palla"

Scopri l'e-book

Descrizione

A passa la palla a B che, dopo un lungo-corto, la restituisce ad A in sostegno. A passa a C e a questo punto la giocata di C sarà vincolata dal segnale di A:

  • Se “UOMO”, C restituisce palla ad A che, dopo la ricezione orientata, farà proseguire il giro palla in direzione opposta, cioè verso F

 

 

  • Se “SOLO”, C prosegue nel giro palla, trasmettendola a D che scambierà con E per far giungere palla ad F

 

 

Tratto da "Dalle abilità individuali al possesso palla"

Scopri l'e-book

Regole

Gioco a due tocchi (ricezione e passaggio) ad eccezione dei giocatori posti in B ed E che possono giocare di prima

  • Il comando “UOMO” o “SOLO” viene dato soltanto ai giocatori posti sui vertici della diagonale minore del rombo, vale a dire C ed F
  • In caso di comando “UOMO” la palla va data sul piede esterno lontano dall’avversario
  • Rotazioni (A in B, B in C e così via) nel caso in cui il comando sia “SOLO”, se invece è “UOMO” i giocatori mantengono le loro posizioni senza rotazioni
  • Per ogni comando “UOMO” devono esserci almeno due comandi “SOLO”
Varianti
  1. Cambiare la ricezione orientata richiesta
  2. Possibilità di giocare la palla di prima su ogni postazione eccetto quella sul vertice della diagonale maggiore, dove i giocatori lavoreranno sempre in regime di ricezione e passaggio
Temi per l'allenatore
  • L’esercitazione simula in analitico un concetto importante da utilizzare in partita: se abbiamo spazio e possibilità di andare avanti si va avanti, viceversa si torna indietro e si cerca spazio nella direzione opposta (indirizzare palla sul lato debole)
  • Curare i tempi del movimento e la postura dei giocatori che si apprestano a ricevere palla orientati a tenere nel proprio campo visivo palla e compagno a cui trasmettere
  • Far capire l’importanza, in caso di comando “UOMO”, della trasmissione palla sul piede lontano dall’avversario (ricezione palla in protezione), con successivo posizionamento in sostegno da parte di chi ha trasmesso palla per offrire un’opzione di gioco utile ai fini del mantenimento del possesso
  • Curare l’esecuzione tecnico-coordinativa nella ricezione della palla e la giusta forza nei passaggi

Autore

| Allenatore Giovanissimi Nazionali AC Pisa 1909
Francesco Macri, classe 1979, è allenatore Uefa B dei Giovanissimi nazionali presso l’AC Pisa 1909.
Diplomato ISEF e laureato presso l’Università degli Studi di Firenze in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative, ha partecipato come relatore a molti convegni sul calcio giovanile in Italia e all’estero. È co-autore di diverse pubblicazioni sull’insegnamento calcistico nel settore giovanile, fra le quali Scuola Calcio Empoli: obiettivi ed esercitazioni e Principi, metodologia ed esercitazioni per allenare la categoria Pulcini.
Fra le sue esperienze professionali spiccano sei stagioni nel settore giovanile dell’Empoli FC e due anni presso l’AC Siena nelle categorie Giovanissimi B e A regionali.
Attualmente collabora con le riviste giapponesi Football Critique e Soccer Clinic, occupandosi di analisi tattiche delle partite di J-League e metodologie di insegnamento della tattica individuale nel settore giovanile.
È anche organizzatore e istruttore di numerosi stages estivi in Italia e all’estero (USA e Australia).

Articoli correlati