Circuito tecnico motorio: Lavoro aerobico | YouCoach Salta al contenuto principale

Circuito tecnico motorio: Lavoro aerobico

Circuito tecnico motorio: Lavoro aerobico

 
Obiettivo
Materiale
  • 8 cinesini
  • 4 coni
  • 1 scaletta rapida (speed ladder)
  • 1 porta (o 2 paletti)
  • Palloni
Preparazione
  • Area di gioco: 20x15 metri
  • Giocatori: 16
  • Tempo di svolgimento: 20 minuti
  • Numero di serie: 2 da 4 ripetizioni con 2 minuti di recupero passivo tra le serie
Sommario Obiettivi Secondari
Proposta di circuito tecnico motorio in un rettangolo con attività coordinativa condizionale, cambi di direzione, zig zag tra i cinesini e conclusione da distanza ravvicinata
Combinazione, Capacità di differenziazione, Destrezza fine, Resistenza aerobica, Rapidità, Tecnica di accelerazione, Agility, Corsa con cambi di direzione, Corsa in accelerazione, Conclusione, Circuit training
Organizzazione

Preparare nell'area predisposta una stazione di gioco di 20x15 metri con l'utilizzo di quattro coni posti ai vertici. All'interno del rettangolo di gioco costruire un percorso a forma di quadrato di 10 metri per lato con l'ausilio di quattro cinesini. Lungo un lato del quadrato posizionare una speed ladder di 8 metri (lato sinistro in figura), a fianco ad un cinesino collocare una buona scorta di palloni e a 7 metri dai palloni posizionare una porta (angolo in basso a destra in figura). Infine lungo un altro lato del quadrato (lato in alto in figura), costruire un percorso di 6 metri a zig zag con i cinesini distanziati uno dall'altro di un paio di mt con un angolo di cambio direzione di 45 gradi circa (come in figura). L'intera squadra si colloca nei pressi del cinesino di partenza (nell'angolo in alto a sinistra in figura).

Descrizione
  1. Al segnale d'avvio dell'allenatore, il giocatore A scatta verso la scaletta rapida e la affronta inserendo due piedi (prima uno poi l'altro) in ogni spazio. 
  2. Uscito dalla speed ladder, il giocatore A esegue uno sprint fino al cinesino, esegue un cambio di direzione ed effettua uno scatto (corsa basale 50%) verso il cinesino con i palloni in A1
  3. A calcia un pallone verso la porticina cercando di finalizzare
  4. A esegue uno sprint massimale fino al cinesino in alto a destra in A2
  5. A affronta il percorso esterno formato dai quattro coni con una corsa continua a circa al 70% e con cambi di direzione dopo ogni cono terminando in posizione A3
  6. Il giocatore A esegue il percorso a zig zag formato da i cinesini e termina il percorso tornando al cinesino di partenza in A4

Il giocatore successivo parte quando il compagno precedente inizia il percorso esterno formato dai quattro coni

 

Regole
  • Suddividere l'esercitazione in due blocchi di lavoro che prevedano un inversione del senso di esecuzione del circuito in modo che si lavori per metà tempo in un senso di rotazione e per metà tempo nell'altro senso di rotazione. Questo per equilibrare i carichi di forza nei cambi di direzione.
Varianti
  1. Affrontare la speed ladder inserendo solo un piede in ogni spazio
  2. Affrontare la speed ladder variando la tecnica di appoggio piede e le toccate all'interno degli spazi
Temi per l'allenatore
  • Effettuare tutte le esercitazioni con la massima concentrazione, applicando al meglio le doti tecniche e fisiche individuali
  • Individuare il momento più adatto per far partire il giocatore successivo in modo da equilibrare i carichi di lavoro e i tempi di recupero
  • Nel caso non ci sia la disponibilità di una scaletta rapida (speed ladder) si possono anche utilizzare alcuni paletti distesi a terra
  • Fare attenzione all’esecuzione dei cambi di direzione

Autore

Ritratto di Jonatan Proietto
| Preparatore Atletico
Jonathan Proietto è un preparatore atletico UEFA abilitato nel 2011 presso il Centro tecnico federale a Coverciano (FI), attualmente preparatore atletico nel settore giovanile della Virtus Entella.
 
Laureato in Medicina e chirurgia presso la facoltà di Scienze motorie dell’Università Magna Grecia di Catanzaro, tra il 2005 e il 2009 è stato preparatore fisico del FC Crotone Calcio, dove per quattro stagioni ha curato il miglioramento dei parametri fisici dei giocatori del settore giovanile. Successivamente è passato al Livorno Calcio, dove dal 2009 al 2013 ha ricoperto lo stesso incarico.
Nella stagione 2013-2014 ha ricoperto il ruolo di preparatore atletico presso la società A.C Pisa 1909.

Articoli correlati