Circuito motorio - psicocinetico con sfida 1 contro 1 | YouCoach Salta al contenuto principale

Circuito motorio - psicocinetico con sfida 1 contro 1

Circuito motorio - psicocinetico con sfida 1 contro 1

 
Obiettivo
Materiale
  • 6 paletti
  • 6 ostacolini bassi (over)
  • Palloni
  • Casacche (rosse in figura)
  • 12 coni colorati (o cinesini in alternativa) quattro per colore
Preparazione
  • Area di gioco: 35x20 metri
  • Giocatori: da 8
  • Tempo di svolgimento: 20 minuti
  • Numero di serie: 4 da 4 minuti con 1 minuto di recupero passivo dopo ogni serie
Sommario Obiettivi Secondari
Stazione motoria con stimoli cognitivi per allenare la velocità e la rapidità di elaborazione nell'uno contro uno
Fantasia motoria, Orientamento, Reazione, Rapidità, Velocità, Psicocinetica, Guida della palla, Guida della palla proteggendola, Dribbling, Controllo e difesa della palla, Presa di posizione, 1 contro 1
Organizzazione

In un'area di gioco di 35 metri di larghezza per 20 metri di profondità creare due stazioni motorie opposte tra loro una di fronte all'altra a distanza di circa 20 metri una dall'altra. Ogni stazione motoria è composta da tre paletti in successione distanti 1 metro uno dall'altro e tre ostacolini bassi (over) distanti 30/40cm uno dall'altro. Tra i due percorsi, al centro, collocare un pallone. Nello spazio tra i due percorsi posizionare delle porticine colorate a semicerchio di larghezza 2 metri circa ciascuna (come in figura). Le porticine si trovano ad una distanza di circa 8 metri dalla posizione in cui si trova il pallone (centro della stazione). Avremo due porticine per colore collocate opposte una rispetto all'altra e alla stessa distanza rispetto al centro delle stazione. Due file da quattro giocatori si posizionano all'inizio dei due percorsi motori. L'esercizio si svolge sotto forma di gara a squadre (bianchi contro rossi in figura).

Descrizione
  • Al segnale dell'allenatore i primi due giocatori, uno per fila, partono nell'esecuzione del percorso motorio, in slalom tra i paletti e saltando gli ostacolini bassi e scattano successivamente verso il centro della stazione dov'è collocato il pallone
  • Mentre i due giocatori stanno raggiungendo la palla, l'allenatore chiama un colore (colore relativo ad una coppia di porticine da attaccare: rosso o verde o giallo)
  • Il giocatore che conquista per primo il pallone deve condurre la palla attraverso la porticina del colore chiamato dall'allenatore che appartiene alla squadra avversaria
  • L'avversario deve difendere la propria porticina tentando di riconquistare la palla per andare a sua volta dalla parte opposta della stazione di gioco per condurre la palla nell'altra porticina dello stesso colore appartenente alla squadra avversaria

 

Regole
  • Per fare punto il giocatore deve attravesare in conduzione palla la porticina del colore chiamato dall'allenatore difesa dalla squadra avversaria. Le porticine vengono assegnate ad ogni squadra, dall'allenatore, prima della partenza
  • Cambiare ad ogni serie le porticine da difendere e quelle da attaccare da parte di ogni squadra
  • Variare il tipo di jumps sugli over (monopodalici alternati, bipodalici, una-due-tre toccate per spazio tra gli ostacolini ecc.)
Varianti
  1. Il primo giocatore che conquista palla può far punto in entrambe le porticine dello stesso colore chiamato dall'allenatore che sono collocate in entrambi i semicerchi e opposte tra loro
  2. Per fare punto è sufficiente fare gol nelle porticine con tiro di precisione e non attraversarle in guida palla
  3. L'allenatore può cambiare a discrezione, durante lo svolgimento del duello 1 contro 1, il colore delle porte inizialmente chiamato (cambiando la variabile “colore”)
  4. Cambiare la stazione motoria, variando i percorsi (ad esempio con stuoie, cerchi ecc.)
Temi per l'allenatore
  • Stimolare la velocità di esecuzione dei percorsi motori per la conquista palla
  • Stimolare le risorse cognitive dei giocatori variando spesso le chiamate dei colori relativi alle porticine da attaccare
  • Curare la presa di posizione e la fase difensiva e di riconquista palla con elaborazione veloce di orientamento spazio-temporale del difendente per collocarsi sempre tra avversario con la palla e porticina da difendere
  • Curare la difesa e protezione della palla per chi viene attaccato dall'avversario
  • Stimolare il dribbling e la fantasia motoria nel duello 1 contro 1
  • Correggere, soprattutto nelle categorie dei più piccoli, gli errori nell'esecuzione motoria dei percorsi

Articoli correlati